Normativa regionale

La normativa regionale di riferimento per il sito Sardi nel mondo.

Continua la lettura

La Regione Sardegna regola, sostiene e amministra la politica migratoria attraverso una serie di iniziative regolate dalla Legge Regionale n. 7/1991 e dal suo regolamento di attuazione DPGR n. 191/1991, il cui obiettivo è:
– garantire la parità di trattamento ai sardi residenti e a quelli non residenti (esercizio del diritto di voto);
– promuovere forme di partecipazione e di solidarietà tra lavoratori emigrati, in linea con le leggi dello Stato e nel quadro della programmazione regionale;
– creare i presupposti morali e materiali perché si realizzi un contesto di pari opportunità per coloro che rientrano in Sardegna o che mantengono con essa i contatti;
– promuovere ogni iniziativa che possa incentivare, tutelare e sviluppare i legami tra la Sardegna e le comunità di sardi nel mondo.

I Circoli di emigrati sardi sono distribuiti nei cinque continenti e svolgono un’azione di assistenza e valorizzazione della cultura e delle risorse umane e professionali dei sardi emigrati che, specialmente nel contesto globale attuale, assumono un ruolo decisivo nel rafforzamento della cultura identitaria.

Gli interventi a sostegno delle comunità di emigrati sardi sono attuati attraverso un Piano triennale, articolato in Programmi annuali. Il Piano triennale e il Programma annuale sono approvati con deliberazione della Giunta regionale su proposta dell’Assessore Regionale del Lavoro, previo parere della Consulta Regionale per l’Emigrazione.

Ultimo aggiornamento

08 Giugno, 2021